Scarica certificato gravidanza inps


Le lavoratrici possono consultare e stampare il certificato di gravidanza o di interruzione, mentre i datori di lavoro possono consultare e stampare. I medici devono trasmettere online all'INPS i certificati di gravidanza o di interruzione di gravidanza (articolo 21, decreto legislativo 26 marzo. Tutti i risultati ottenuti ricercando certificati. la consultazione degli attestati da parte dei datori di lavoro;; la trasmissione online dei certificati da parte dei medici certificatori. Per fruire di una.

Nome: scarica certificato gravidanza inps
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 64.47 MB

Con la circolare n. Tale seconda fattispecie non costituisce una prassi seguita dalla generalità dei lavoratori e, pertanto, la circolare Inps n. Il certificato, pertanto, per i lavoratori cui è garantita la tutela in argomento, assume, di fatto, il valore di domanda di prestazione. Ne consegue che il dipendente assente per malattia che, considerandosi guarito, intenda riprendere anticipatamente il lavoro rispetto alla prognosi formulata dal proprio medico curante potrà essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato medico di rettifica della prognosi originariamente indicata.

Essa va richiesta al medesimo medico che ha redatto il certificato, riportante una prognosi più lunga.

In alternativa è possibile allegare la copia digitalizzata del provvedimento stesso.

Quali sono le modalità di pagamento del bonus mamma domani Le modalità per il pagamento del bonus mamma domani sono diverse. Va precisato che per tutti i pagamenti sopra descritti, fatta eccezione del bonifico presso un ufficio postale, è richiesto il codice Iban.

Il modulo si compone di più pagine.

Il secondo foglio va compilato a cura della Posta o della Banca qualora il pagamento è richiesto con accredito su conto corrente bancario o postale, su libretto postale o su carta prepagata. Inoltre, deve ammettere di essere consapevole che le amministrazioni sono tenute a controllare la veridicità delle autocertificazioni incluse nella domanda e che, in caso di dichiarazioni false, potrà subire una condanna penale e decadere dai benefici ottenuti.

Con la circolare n. Tale seconda fattispecie non costituisce una prassi seguita dalla generalità dei lavoratori e, pertanto, la circolare Inps n. Il certificato, pertanto, per i lavoratori cui è garantita la tutela in argomento, assume, di fatto, il valore di domanda di prestazione.

Ne consegue che il dipendente assente per malattia che, considerandosi guarito, intenda riprendere anticipatamente il lavoro rispetto alla prognosi formulata dal proprio medico curante potrà essere riammesso in servizio solo in presenza di un certificato medico di rettifica della prognosi originariamente indicata. Essa va richiesta al medesimo medico che ha redatto il certificato, riportante una prognosi più lunga.