Autorizzazione allo scarico palermo


  1. Delibera G M Palermo autorizzazione allo scarico di reflui
  2. Servizi all’utenza
  3. Autorizzazione Allo Scarico Palermo
  4. Esecuzione Nuovo allaccio fognario o razionalizzazione di allacci fognari privati

L'iter verrà così concluso dall'Edilizia Privata del Comune di Palermo con l'​autorizzazione allo scarico del refluo. N.B.: Il tempo massimo per l'esecuzione di un. Delibera G.M. Palermo autorizzazione allo scarico di reflui. Il Settore Servizi alle Imprese del Comune di Palermo - Sportello Unico delle Attività Produttive - ha. Decreto Legislativo 22 febbraio , n. Percorso, L'istanza volta ad ottenere l'autorizzazione deve essere presentata al Comune di Palermo. 34 - Palermo [email protected] Autorizzazione allo scarico delle acque reflue provenienti dalla struttura. UBICATA A PALERMO IN.

Nome: autorizzazione allo scarico palermo
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: iOS. Windows XP/7/10. MacOS. Android.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 37.52 MB

L'obbligo di allacciamento riguarda solo gli insediamenti insistenti su lotti confinanti con spazi pubblici attraversati dalle reti fognarie, sempre che sia possibile realizzare la conduttura per l'allacciamento nel rispetto della normativa vigente. Presso gli uffici del consorzio viene tenuta, a libera visione del pubblico, una idonea ricognizione delle reti fognarie in funzione.

Il presidente è tenuto a certificare l'esistenza di reti fognarie in funzione. Nelle zone servite da pubblica fognatura bianca, è vietato convogliare acque bianche negli spazi pubblici. Eventuali deroghe al divieto di cui al precedente comma, potranno essere concesse nel caso in cui la fognatura delle acque bianche non sia capace di smaltire tutte le acque. Per gli insediamenti civili e produttivi soggetti a diversa destinazione od ampliamento o a ristrutturazione o la cui attività sia trasferita in altro luogo deve essere richiesta una nuova autorizzazione allo scarico.

In ogni caso, come previsto dalla normativa in vigore, a monte del pozzetto di campionamento non dovranno avvenire immissioni di acque allo scopo di diluire o modificare i parametri dell'effluente scaricato.

I fognoli di allacciamento dovranno essere realizzate con tubazioni idonee ed impermeabili il cui diametro non sia inferiore a 15 cm. La realizzazione dell'allacciamento spetta al titolare dello scarico, che dovrà comunicare l'inizio dei lavori al Consorzio, al quale spetta la sorveglianza degli stessi.

Delibera G M Palermo autorizzazione allo scarico di reflui

Per gli utenti che si approvvigionano dal pubblico acquedotto, il volume dell'acqua scaricata è rapportato al quantitativo di acqua imputabile al singolo utente in base al contratto di fornitura. Il canone per i servizi di fognatura e depurazione è accertato e riscosso dagli stessi uffici, con le stesse modalità e negli stessi termini previsti per il canone relativo alla fornitura di acqua.

Per gli utenti che si approvvigionano, in tutto o in parte, da fonti diverse dal pubblico acquedotto il volume dell'acqua scaricata, imputabile a queste fonti, è rapportato al volume dell'acqua prelevato misurato con idoneo strumento di cui essi hanno obbligo di installazione secondo modalità fissate, di volta in volta. Lo strumento di misurazione deve essere accessibile per la lettura e il controllo.

L'utente ha l'obbligo di dichiarare il volume di acqua prelevato con cadenza.

Il canone deve essere pagato entro trenta giorni dalla richiesta. Gli utenti sono tenuti a indicare gli elementi necessari alla concreta determinazione del canone da loro dovuto mediante presentazione, nei modi e nei termini fissati dalla Regione, della denuncia prevista dal secondo comma dell'art.

Il canone dovuto da ogni utente viene liquidato sulla base degli elementi indicati nella denuncia di cui al precedente comma. Alla relativa riscossione si provvede mediante ingiunzione fiscale secondo le disposizioni di cui al R. Nelle more degli adempimenti della Regione, previsti dall'art.

I valori di Oi, Si, e V sono quelli fissati nell'atto di autorizzazione allo scarico, mentre per Of ed Sf si adottano quelli medi annui misurati presso l'impianto di depurazione.

Il costo unitario L2 viene determinato dividendo il costo totale annuo di gestione amministrativa formazione ed aggiornamento dei ruoli, controllo e lettura degli eventuali strumenti di misura portate, analisi chimiche per controllo degli scarichi delle singole utenze, fatturazione ed esazione canone, formulazione dei preventivi di spesa e dei preventivi di introito annuo per tariffe, stesura dei bilancio consuntivi, per l'area totale destinata dal Piano Regolatore a lotti industriali.

I costi variabili comprendono: le spese di energia le spese per materiali di consumo le spese per riparazioni.

Servizi all’utenza

La determinazione di f2 verrà effettuata dividendo il costo annuo del servizio di fognatura per il volume totale annuo defluito nella rete nera determinato con il misuratore di portata presso l'impianto di depurazione.

In tali casi k2 assume il valore risultante dalla seguente formula: dove e Entro il 30 ottobre di ciascun anno il Consorzio provvede alla formulazione dei seguenti preventivi di spesa, relativamente all'anno successivo: Costo totale annuo di gestione amministrativa del servizio di fognatura Costo totale annuo del servizio di fognatura nera Costo totale annuo del servizio di depurazione e determina le tariffe provvisorie che dovranno essere corrisposte per tali servizi da parte delle singole utenze, con aggiunte le tasse, imposte ed altri eventuali tributi vigenti.

Al termine di ciascun anno il Consorzio provvede alla stesura dei bilanci consuntivi dei servizi di fognatura e depurazione e determina le tariffe definitive per l'anno trascorso. Le eventuali differenze in più rispetto alle tariffe provvisorie verranno restituite, mentre quelle in meno dovranno essere integrate dall'interessato, mediante il ruolo dell'anno successivo.

MAN - Elenco endoprocedimenti previsti e relativa documentazione. A - Scheda informativa per notifica nuovo insediamento produttivo NIP Scheda informativa per notifica nuovo insediamento produttivo NIP - Per attività agricole, artigianali, manifatturiere ed industrali.

Autorizzazione Allo Scarico Palermo

B - Mod. RIC Elenco edoprocedimenti previsti e ralativa documentazione. RIC Elenco degli edoprocedimento previsti e relativa documentazione. Ricettiva Mod. Provincia - Ufficio strutture ricettive Mod. R Elenco endoprocedimenti previsti e relativa documentazione. MSV - Elenco endoprocedimenti previsti e relativa documentazione.

Esecuzione Nuovo allaccio fognario o razionalizzazione di allacci fognari privati

TEL - Elenco endoproced previsti e relativa document. SUAP b - S. Lgs n. CR - Elenco endoprocedimenti previsti e relativa documentaz. CR - Elenco endoproced. Modello - UC. CH - Elenco endoprocedimenti previsti e relativa documentazione.

D - Elenco endoproc. Solo per le proced. RIS - Elenco endoprocedimenti previsti e relativa documentazione. Richiesta da inviare alla Provincia Reg. EA - Elenco endoprocedimenti previsti e relativa documentazione. Provincia - Ufficio ambiente viabilità b1 - MOD1. Informazioni generali. Provincia - Ufficio ambiente viabilità b2 - MOD. Elenco generale.