Modello registro carico scarico rifiuti


modello dei registri di carico e scarico dei rifiuti ai sensi degli artic, comma 2, lettera m), e 18, comma 4, del decreto legislativo 5 febbraio , n. 22”. Tale decreto contiene il modello di registro e le relative istruzioni. (modello A per le attività di produzione, recupero, smaltimento, trasporto, intermediazione e. modelli A e B e la CIRCOLARE 4 agosto , esplicativa sulla compilazione dei registri di carico scarico dei rifiuti e dei formulari di accompagnamento dei. modello di registro di carico e scarico di cui all'allegato. “A” del. D.M. 1 aprile , n. CARICO □. SCARICO □ Numero iscrizione albo Gestione Rifiuti​.

Nome: modello registro carico scarico rifiuti
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 42.89 MB

Hai bisogno di una consulenza? Insieme al Formulario di Identificazione Rifiuto, consente, proprio come una contabilità dei rifiuti, la loro tracciabilità. La normativa di riferimento è contenuta nel decreto legislativo del Tutti gli imprenditori, artigiani e commercianti che, nello svolgimento della loro attività, generano degli scarti sono considerati produttori di rifiuti.

Sono esclusi da questo obbligo i produttori di rifiuti speciali pericolosi non inquadrati sotto forma di ente o impresa, ad esempio: dentisti, tatuatori, veterinari.

Nel loro caso è sufficiente conservare in ordine cronologico i Formulari di Identificazione Rifiuto degli ultimi cinque anni. Quello che interessa i produttori è il Modello A, mentre il Modello B è riservato ai commercianti e intermediari di rifiuti.

Vediamo ora nel dettaglio come compilare correttamente il Modello A del Registro di Carico e Scarico.

Partiamo da alcune formalità preliminari. Il Registro di Carico e Scarico deve essere numerato, vidimato e gestito con procedure molto simili a quelle dei registri IVA. La vidimazione deve essere effettuata dalla Camera di Commercio territorialmente competente.

Inoltre i registri devono essere conservati presso ogni unità locale di produzione. Sul Registro vanno annotati tutti i movimenti di carico o scarico dei rifiuti, riferiti ad ogni singolo formulario, che andrà anche allegato.

Per movimento di carico si intende la produzione del rifiuto; per movimento di scarico si intende il conferimento del rifiuto a soggetti terzi autorizzati. Entrambe le operazioni devono essere registrate entro 10 giorni dal loro verificarsi.

Modelli di gestione del registro di carico e scarico rifiuti I modelli oggi vigenti del registro di carico e scarico dei rifiuti sono quelli già stabiliti dal D.

I registri di carico e scarico prima di poter essere utilizzati devono essere registrati nel registro IVA. Prima di poter iniziare ad annotare le operazioni di carico e scarico o di intermediazione di rifiuti è obbligatorio vidimare i registri presso le Camere di Commercio territorialmente competenti.

Inoltre è obbligatorio compilare il frontespizio del registro prima della vidimazione.

Come si individua la Camera di Commercio territorialmente competente? I registri di carico e scarico possono essere tenuti con modalità informatiche a condizione di rispettare la frequenza delle annotazioni stabilite dalla normativa.

I registri di carico e scarico sono composti da righe in genere 2 o 3 per foglio e da colonne. Ogni riga deve essere utilizzata per singola operazione di carico o di scarico e per singolo codice CER.