Normativa scarico fumi cucina ristorante


  1. Norme canna fumaria
  2. Scarico dei fumi. Possibile l'uso di sistemi alternativi (ma solo per attività commerciali).
  3. Canna fumaria ad uso esclusivo o ad uso comune

La cottura dei cibi determina, ovviamente, l'emissione di fumi e vapori nonché la La normativa in merito prescrive che i vapori derivanti dalla. Però c'è un però: la normativa italiana è piuttosto farraginosa, piena di regole, L'importante è che la canna fumaria del tuo locale scarichi i fumi oltre il tetto Classe , sposato con una figlia, da sempre appassionato di cucina e. Normativa scarico normativa fumi cucina ristorante fumi. Quando si installa un impianto di riscaldamento stufa, caldaia, camino a pellet o Le canne fumarie. Le normative tecniche UNI /08 – UNI di recente emissione camini e dei condotti per lo SCARICO DEI VAPORI DELLE CAPPE CUCINA delle quote di sbocco e l'evacuazione dei fumi e dei vapori sopra il tetto.

Nome: normativa scarico fumi cucina ristorante
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 38.59 Megabytes

Quando sento parlare di canna fumaria mi ritorna in mente un fatto che risale ormai a quasi due anni fa. In quel primo incontro, dopo i saluti, le presentazioni ed i convenevoli passiamo subito al dunque, cioè la fattibilità di aprire una nuova attività di ristorazione, nel centro storico di Salerno. Insieme al committente avevamo già individuato un locale idoneo e per evitare di impiegare troppo tempo in inutili lungaggini burocratiche, avevo deciso di andare direttamente a parlare col dirigente, che avrebbe rilasciato il parere igienico sanitario preventivo.

Sembrava una missione impossibile oltre ad essere un incubo. Contrariamente alle mie aspettative, tutto va per il verso giusto.

Spesso la questione più problematica è quella che riguarda il condominio.

Quando il locale si trova al piano terra di uno stabile abitato, i condomini potrebbero protestare e opporsi ai lavori. Naturalmente, è necessario presentare un progetto elaborato da un tecnico e rispettare tutte le norme riguardanti le distanze dalle pareti private, le distanze di sicurezza da eventuali abitazioni vicine, la posizione della canna fumaria del ristorante ecc.

Quando mi capita di parlare con ristoratori che si stanno guardando attorno perché intendono aprire un nuovo ristorante, anche quando hanno una lunga esperienza alle spalle, gli consiglio di sentire più tecnici e di chiedere qualche parere in giro prima di iniziare i lavori.

I soggetti da accontentare sono sempre tre: la tua voglia di fare impresa, chi vive nel condominio e la burocrazia. Nel fonda AQuachiara. Non è ammessa in cucina e nel bagno.

Norme canna fumaria

Le piccole lavorazioni, tostiere, brasiere, macchine per il caffè e similari non necessitano di cappe. La valutazione degli aspetti di natura edilizia è di competenza comunale.

Ho letto la normativa UNI sotto il balcone deve avere una distanza di mm, invece è a contato diretto con il mio balcone. Posso chiedere il ripristino del distacco del cemento causato dal tubo di scarico? Dopo una accesa discussione ha installato una canna fumaria che porta al tetto dei villini, solo che il nostro tetto in realtà è un terrazzo dove vi sono state installate le lavatrici e pertanto ci vengono stesi i panni ad asciugare.

Quindi il fumo che esce dal camino finisce direttamente sul mio terrazzo e sui panni. Posso fare nulla per impedirlo?

Una ha la canna fumaria incastonata nella pietra del muro portante, canna fumaria contestuale probabilmente alla costruzione dell immobile, mai modificata, né spostata nel corso del tempo. A conferma dell' antica esistenza di questa canna fumaria vi sono le foto aeree dell archivio militare.

La canna fumaria di cui sopra fuoriesce sul tetto ovviamente. L' immobile confinante, negli anni 90 é stato oggetto di concessione, grazie alla quale, i proprietari, hanno potuto costruire un grande terrazzo a ridosso della canna fumaria di cui sopra.

Scarico dei fumi. Possibile l'uso di sistemi alternativi (ma solo per attività commerciali).

Il problema che si pone adesso riguarda l'uso del camino del primo immobile. I proprietari del secondo lamentano il fumo, sebbene l'utilizzo del camino sia " normale ".

Come sta la faccenda? La preesistenza della storica canna fumaria rispetto alla successiva costruzione del terrazzo mette al riparo i fruitori del camino rispetto al suo utilizzo? Il terrazzo è stato costruito proprio a ridosso del suddetto comignolo.

Data la particolarità della situazione, bisognerebbe studiare le carte. Circa i condomini, l'importante è che la canna fumaria non vada a deturpare il palazzo e non rechi problemi ai condomini. Non ci sono problemi se le cose vengono fatte con le dovute cautele e tenendo conto delle disposizioni riguardanti le canne fumarie del comune dove si vive.

Mi serve un preventivo. Rifacendo il bagno abbiamo visto che la vecchia colonna di sfiato termina all'intradosso del solaio di copertura ed è stata chiusa.

Canna fumaria ad uso esclusivo o ad uso comune

Il problema è che detto comignolo verrà realizzato a 6 metri dal terrazzo del condominio limitrofo. Idem per l'uscita della cappa della cucina, anche se quest'ultima sarà a 11 metri dal confinante, e per il condotto di aerazione della caldaia, a oltre 7 metri dal confine.

Dal punto di vista legale è regolare o posso incorrere in problemi coi vicini? Luca G, vorrei aggiungere e spero di non passare da pedante per quanto riguarda il solo sfiato della colonna di scarico dei WC che, comunque, se il relativo comignolo è alto come il parapetto e ad esso aderente nessuno dei confinanti lo vedrà, Ed anche se fosse visibile non si tratta comunque di canna fumaria che possa pregiudicare qualche loro diritto o ai fini edificatori o la qualità dell'aria circostante.